• it
    • en
    • es
    • fr
    • de

Facciamo il punto della gestione COVID-19

QUARANTENA: chi la fa?
la persona con TAMPONE POSITIVO, che deve rimanere al PROPRIO DOMICILIO, possibilmente da solo, senza poter uscire, per un periodo di 14 GIORNI. Potrà terminarla solo quando avrà 2 TAMPONI NEGATIVI CONSECUTIVI.

ISOLAMENTO FIDUCIARIO: chi lo fa?
la persona che ha SINTOMI ed è IN ATTESA DEL TAMPONE oppure
il CONTATTO STRETTO DI UN POSITIVO ACCERTATO.
È possibile uscire per attività essenziali usando i DPI adeguati e mantenendo il distanziamento sociale.
Il periodo varia a secondo del caso, iniziando dal giorno dell’ultimo contatto col positivo, e termina con l’esecuzione del tampone rinofaringeo, quando si è a conoscenza dell’esito.

– COSA FA CHI HA SINTOMI?
Contatta il curante, il quale imposta una terapia sintomatica e lo segnala online al dipartimento  di prevenzione e alle USCA per eseguire il tampone.
In casi particolari (operatori sanitari, forze dell’ordine, operatori di pubblica necessità, urgenza di ricovero ospedaliero) si può avere un percorso più veloce. Per tutti gli altri sarà necessario attendere la chiamata per il tampone.
Il PAZIENTE SINTOMATICO VA IN ISOLAMENTO FIDUCIARIO e può avere il certificato inps per giustificare l’assenza a lavoro. Una volta fatto il tampone con risultato negativo allora l’isolamento potrà essere chiuso.

– COSA FA CHI HA AVUTO CONTATTI STRETTI CON UN SOGGETTO POSITIVO, MA ATTUALMENTE NON HA SINTOMI?
Contatta il curante e il Dipartimento di Prevenzione, che predispone L’ISOLAMENTO FIDUCIARIO e, alla fine di quest’ultimo, il TAMPONE.
L’isolamento durerà non meno di 14 giorni (tempistica dettata da opportuni studi relativi al tempo di incubazione del virus e tempo necessario alla manifestazione di eventuali sintomi).
Al termine dell’isolamento verrà eseguito il tampone.
Se negativo allora si chiuderà, ma se dovesse risultare positivo l’isolamento muterà in quarantena. Dopo un’altra settimana (14 precedenti di isolamento+7) verrà eseguito il secondo tampone, se negativo allora ne verrà eseguito subito un altro, solo con il doppio tampone negativo sarà possibile chiudere la quarantena.
Se anche il secondo tampone dovesse risultare positivo, sono necessari altri 7 giorni di quarantena (14+7+7) è così via.
Il paziente sarà coperto dalla malattia inps.

IL BAMBINO/RAGAZZO IN ETÀ SCOLASTICA CON I SINTOMI CHE FA?
Va in ISOLAMENTO FIDUCIARIO in attesa del tampone, laddove fosse richiesto dal curante. L’isolamento finisce con esito del tampone negativo.
In questo caso gli insegnanti e i genitori NON VANNO IN ISOLAMENTO e non godono del certificato inps.

CERTIFICAZIONE DI RIENTRO A SCUOLA
La certificazione di rientro o riammissione scolastica è prevista SOLO per assenze superiori ai 3 GIORNI per nido e materna e 5 GIORNI per primaria (elementari), secondaria (medie) e superiori con autocertificazione in assenza di sintomi riferibili a COVID (nel caso di sintomi suggestivi sentire sempre tempestivamente il medico), per chi è in QUARANTENA o in ISOLAMENTO FIDUCIARIO con tampone eseguito. Tutti gli altri non necessitano del certificato.

QUALSIASI COMPORTAMENTO ESTRANEO A QUESTE LINEE GUIDA È ARBITRARIO E PRIVO DI FONDAMENTO SCIENTIFICO.

Dott.ssa Alessia Bertocchini
Chirurgo Pediatra
Master in Emergenze Pediatriche
Esperta in Haloterapia