• it
    • en
    • es
    • fr

IL MARE: un vero e proprio rimedio naturale

Lo sapevi che circa il 70% della superficie terrestre è ricoperta d’acqua e il 97% di questa è salata, cioè acqua di mare?
Ebbene sì e nonostante l’acqua sia un bene essenziale per la vita di ogni essere vivente, l’uomo l’ha resa vittima di un progressivo inquinamento. Basti pensare che nell’oceano Pacifico si è addirittura creata “l’isola di plastica”: un ammasso interminabile di spazzatura, per lo più composta da micro-plastiche, che vengono ingerite da uccelli e pesci con conseguenze inimmaginabili.

Ma questo terribile fenomeno rischia di compromettere anche la salute della nostra specie perché il mare è considerato una medicina naturale in quanto, contenendo una grande quantità di iodio e Sali minerali, è in grado di rafforzare il nostro sistema immunitario. Di questo ne hanno fatto tesoro i nostri nonni che ci portavano da bambini al mare anche d’inverno. Oggi, un po’ perché il ruolo dei nonni è cambiato nella società e un po’ per l’inquinamento e per la situazione economica che stiamo vivendo, i soggiorni al mare dei bambini sono sempre meno frequenti. La soluzione a questa carenza si chiama AEROSAL, ”la colonia del terzo millennio”, ossia la possibilità, tramite un particolare dispositivo, di respirare l’aria del mare vicino a casa propria o direttamente a domicilio, se non esiste un centro nella tua città.

Attualmente contiamo circa 100 punti d’inalazione su tutto il territorio nazionale, disposti omogeneamente in quasi tutte le regioni, e possiamo affermare che il nostro progetto di diffusione del format CLINICA DEL SALE, con l’obbiettivo di sensibilizzare le persone alla prevenzione delle malattie respiratorie, è in continua crescita. Nei nostri centri, rivolti a tutte le fasce d’età, è possibile godere degli effetti benefici del mare semplicemente respirando la dose di sale che, attraverso un aerosol, viene immessa in un ambiente nel quale si sta comodamente seduti, senza costrizioni sul viso.

Come si dice” se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto”.